Outlast

Outlast

Il più spaventoso gioco horror mai creato prima?

Outlast è un gioco horror in prima persona che prende in prestito alcune idee dal classico Amnesia e ne aggiunge di nuove per dare al videogame una certa personalità. Visualizza descrizione completa

PRO

  • Terrore violento e sanguinario
  • Realistico

CONTRO

  • Storia funzionale
  • Gli artifici horror finiscono in fretta

Buono
7

Outlast è un gioco horror in prima persona che prende in prestito alcune idee dal classico Amnesia e ne aggiunge di nuove per dare al videogame una certa personalità.

In Outlast devi sopravvivere all'esuberanza di violenza e morte che ti ritroverai ad affrontare in un manicomio abbandonato. Con una storia accettabile, dei comandi davvero buoni e tanti momenti di strizza pura, Outlast ha promesso di essere il gioco più spaventoso mai creato prima. Ci è riuscito?

Scappa o muori

Outlast fa paura, almeno in un primo momento. Il gioco usa degli ottimi trucchi per metterti nella pelle del protagonista, Miles Upshur, e farti passare dei momenti terrificanti. La storia è abbastanza comune, ma è molto efficace sullo schermo, in particolare per le molte scene realistiche di sangue e viscere. Outlast non è un gioco per i deboli di cuore: è folle, è violento e colpisce i tuoi sensi.

Outlast commette però l'unico errore che un qualsiasi gioco horror dovrebbe evitare: la routine. Nella prima ora di gioco tutto è nuovo, terrificante, sgradevole e angosciante, è uno di quei giochi che ti fa venire i brividi e persino la tachicardia.

Ma una volta superato il primo impatto, Outlast diventa un videogame routinario. Gli artifici usati per spaventare si esauriscono velocemente e ogni sezione del gioco è una leggera variazione di quella precedente; in sostanza, si supera più o meno allo stesso modo: "vai là, attiva un pulsante o una leva, e torna".

Outlast è un videogame molto lineare: è raro trovare una sezione in cui muoversi liberamente, aprire porte o visitare stanze non previste dallo schema di gioco. Questa linearità ha due obiettivi chiari: il primo è farti spaventare. Se il gioco non avesse il controllo di ciò che fai o dove vai, non potrebbe attivare determinati eventi imprevisti che ti fanno saltare sulla sedia.

Il secondo effetto di questa linearità è che, se osservi accuratamente Outlast, scoprirai che si tratta di un puzzle gigante. Ogni sezione del gioco prevede un ordine specifico e un modo di fare le cose, se agisci diversamente la sopravvivenza è quasi impossibile. Trovare questo "percorso invisibile", che significa muoversi a quattro zampe, nascondersi negli armadi o sotto i letti, schivare i nemici deformati o fuggire da intense persecuzioni, è la chiave per avanzare nel videogame.

Outlast non vuole (o non può) spaventarti psicologicamente oltre la prima ora di gioco e, superato il trauma iniziale, gli restano solo pochi stratagemmi per farti rabbrividire, come mostrare viscere ovunque, sangue, mutilazioni e accompagnarli con aumenti improvvisi del volume.

Questo non è necessariamente un male perché, tra le altre cose, Outlast sa bene quando attivare queste sequenze e farti gridare di paura. Tuttavia, a differenza di altri giochi come Amnesia (punto di riferimento quasi assoluto del genere), in cui la paura entra nella pelle attraverso l'atmosfera e la storia, Outlast usa i classici “PUM! BAM! AAAAH!"

Movimento molto realistico

In Outlast i comandi sono molto buoni e ciò si ripercuote positivamente sul videogame. Sebbene si giochi come in qualsiasi altro videogioco in prima persona, l'effetto dei nostri movimenti sullo schermo è molto realistico: l'oscillazione del corpo, come appoggiamo le mani sul pavimento o negli angoli, il modo di correre e di guardare indietro e così via. Nel gioco tutto trasmette realismo e ti mette ancora di più nei panni del povero Miles.

Nel videogame disporrai solo di una videocamera e ti servirà soprattutto per vedere nel buio attraverso la sua modalità a infrarossi. Tuttavia, le batterie si scaricano in fretta e dovrai cercarne di altre nelle varie stanze che visiterai. La videocamera è un ottimo artificio per offrire momenti di pura agonia, ma è molto difficile rimanere senza batteria perché il gioco bilancia la difficoltà e ti regala delle pile quando ne hai più bisogno.

Grafica notevole e suono convincente

Outlast usa il motore grafico Unreal Engine 3, che ha già qualche anno. L’aspetto positivo è che è molto ben utilizzato e la visualizzazione è generalmente molto buona. Inoltre, anche con un qualsiasi computer di gamma media si possono ottenere delle ottime prestazioni.

Il gioco sfrutta molto bene la combinazione di luce e ombra attraverso la videocamera a raggi infrarossi (il filtro della telecamera è molto reale). Anche il sangue sulle pareti, i morti sparsi qua e là, le viscere e tutto quello che vedi sono dettagli di cui vale la pena parlare.

Nel complesso Outlast ha una grafica notevole, macchiata da alcune piccolezze proprie di Unreal Engine 3, come la mancanza delle fisica degli oggetti (ad esempio, le tende che sembrano pareti).

Il suono, la caratteristica principale di qualsiasi gioco d’orrore, è molto convincente: i dialoghi terrificanti, le voci e le urla ultraterrene, i passi, le cose che si rompono sono tutti elementi che hanno lo scopo di farti venire la tremarella.

Conclusione

Outlast è un ottimo gioco per passare dei momenti di puro terrore e che ti rimarranno impressi per un bel po’ di tempo. Tutta la produzione è molto buona e, sebbene il videogame sia molto lineare, il design dei livelli è eccellente. Da sottolineare i comandi e alcune scene piuttosto crude.

Outlast è il miglior videogame horror? Dipende da chi ci gioca e dalla sua sensibilità. Ad ogni modo, se ti piace il genere devi provarlo assolutamente.

— Opinioni utenti — su Outlast

  • pkjkwest

    di pkjkwest

    "Il gioco più pauroso???? Io NON penso"

    Gioco bello,su questo non posso dire nulla(anche la grafica)ma il gioco che mi ha spaventato di più,e per me è il più be... Altri.

    commentato il 25 gennaio 2015

  • "Bellissimo!!!"

    è pieno di spaventi però è bellissimo.Ve lo consiglio!!!! :D. Altri.

    commentato il 3 ottobre 2014

  • lucia.noventa

    di lucia.noventa

    "Mitico"

    È un gioco fantastico molto ma molto pauroso e pieno di colpi di scena scaricatelo non ve ne pentirete✌️. Altri.

    commentato il 18 agosto 2014